La Nostra Storia

1991/1992

Corrono i primi anni 90, ed è da qui che parte una nuova avventura ad Alessano, quella della PALLAVOLO AZZURRA, che deve i natali all’ operato del prof. Negro Vito, una delle più stimate panchine salentine, ricordiamo i successi con l’Acquarica, portata a conquistare la serie C1, la militanza in serie B del Galatina e del Virtus Tricase, e il suo impegno alla guida del Corsano Femminile in serie C. Da qui poi sceglierà di portare avanti il settore giovanile alessanese.

1993/1994

Negli anni a seguire, intorno al 1993, un gruppo di giovani appassionati di Pallavolo, (Sergi Gianluigi, De Carli Antonio, Ciardo Claudio, Piccinni Michele) , dalle ceneri della gloriosa COSMA UNO, porteranno avanti il nuovo progetto della Pallavolo Azzurra, che disputerà i campionati di Juniores Maschile, ragazze, allievi e allieve, minivolley e la 3^ divisione maschile. Viene allestita una compagine  oltremodo competitiva grazie al valido apporto di alcuni storici giocatori Alessanesi  come Ciardo Claudio, De Carli Antonio, Marsigliante Antonio, Piccinni Michele ecc… affidati alla  guida tecnica  di due di loro. (Ciardo-Piccinni). Il binomio funziona ed i successi non si fanno aspettare : si centra  subito la  promozione in 2ª divisione a punteggio pieno ed avendo perso soli 3 set in tutto il campionato.

SECONDA DIVISIONE MASCHILE 1994 – 1995
in alto da sinistra: Umberto Amoroso, Rocco Panico, Mimmo De Carli, Daniele Torsello, Valerio Febbraro, Michele Piccinni, Tonino Negro (allenatore), Claudio Ciardo

in basso da sinistra: Pippo Mastrangelo, Piero Piccinni, Sergio Barbara, Antonio De Carli

1994/1995

L’euforia generale  contagia tutto l’ambiente che, soddisfatto dei brillanti successi ottenuti, nella stagione 1994/95 ripete i risultati dell’anno precedente. Infatti, la squadra maschile, nelle cui fila si registra il ritorno di un altro giocatore glorioso (Rocco Panico)  e muovono i primi passi quelli che saranno i giocatori del futuro (Torsello D., Piccinni P., Barbara S.), da neo promossa, si trova a dominare, anche,  il campionato di 2ª divisione: tutto ciò conduce alla inevitabile nonché gradita promozione  in 1ª Divisione.

1995/1996

Gli anni 1995/1996 si presentano  felici poiché la società colleziona successi nei diversi settori: iscrive  una squadra di giovanissimi atleti (che nei campionati juniores si erano fatti valere) al campionato di 3ª divisione affidandoli alle sapienti cure di De Carlo Marcello; punta su  un gruppo di ragazze  gestite ed organizzate da Barbara Sergio (in questa stagione però non si partecipa, a livello femminile, a nessun campionato); raggiunge quota 200 tesserati, e con la prima squadra maschile si  impone, anche, nel campionato di prima divisione (tuttavia, il piazzamento finale risulterà essere dignitoso ma poco brillante avendo centrato solo il 5° posto). Gli anni 95/96 vedono inoltre il ritorno di un grande giocatore: dopo le tante partecipazioni in campionati nazionali , infatti, De Carli Piero decide di concludere la sua carriera  da Pallavolista in quel di Alessano.

in alto da sinistra: Gianluigi Sergi (presidente), Ester Loparco, Tonino Negro (allenatore), Rachele Torsello, Maria Rosaria Sabella (capitano), Monica Melcarne, Sergio Barbara (allenatore) Emanuela Barbara, Ester Sergi.
in basso da sinistra: Carla Cortese, Antonella Chiuri, Patrizia Nicolardi, Angela Coscia, Maria Rosaria Massaro.

in alto da sinistra: Valerio Torsello, Piero De Carli, Mimmo De Carli, Antonio De Carli (capitano), Tonino Negro (allenatore), Ottavio Negro, Marco Mastrangelo

in basso da sinistra: Pippo Mastrangelo, Piero Piccinni, Sergio Barbara, Carlo Marzo, Marcello Martella

1996/1997

La Pallavolo Azzurra , ancora più motivata, nella stagione 96/97 allunga  il passo e si getta in nuove, anche se più rischiose, avventure. Per la prima volta nella sua storia partecipa ad un campionato femminile di categoria: infatti, risale a questi anni la costituzione della prima squadra femminile partecipante al campionato di 3ª divisione . Affidate al novello Tecnico  BARBARA Sergio, un gruppo di volenterose e generose ragazze che fanno della pallavolo un momento di piacevole  incontro all’insegna dell’amicizia, donano grandi soddisfazioni alla società, pur non raggiungendo grandi risultati. In questa stagione si raggiungono notevoli traguardi nei settori giovanili. La nota negativa, è, invece, rappresentata dall’avventura della prima squadra maschile partecipante al campionato di 1ª divisione: tale compagine, dopo una stagione del tutto sfortunata,  si salva grazie all’impegno di tutti i componenti della squadra: un gruppo compatto -formato da giocatori di grande esperienza  ma anche da promettenti giovani- che, però, raggiunge la tranquillità solo nella gara finale degli spareggi allontanando, cosi, lo spettro della  retrocessione.

in alto da sinistra: Chiara Piscopello, Giovanna Melcarne, Gianluigi Sergi (presidente), Maria Calsolaro, Sergio Barbara (dirigente), Barbara Negro, Stefania Viola, Chiara Sergi, Tonino Negro (allenatore), Piero Piccinni (allenatore).

in basso da sinistra: Chiara Melcarne, Elisabetta Casarano, Ilaria Bello (capitano), Valentina Marzo, Sabina Nicolardi, Francesca Melcarne.

A.DO.VO.S. ALESSANO

1997/1998

La stagione agonistica 1997/1998 si presente da subito ricca di soddisfazioni. Nel settore maschile la società accetta di partecipare al campionato di SERIE D. Allestito un organico che da più parti era considerato più che competitivo, in realtà, la squadra condotta per  mano dall’allenatore-giocatore De Carli Pierluigi, sconta l’inesperienza del debutto conquistando ben pochi punti in classifica. Nella seconda parte del campionato recupera  terreno e  punti (soprattutto)  non riuscendo, però,  ad evitare la retrocessione per un soffio (si classificherà all’ultimo posto utile per la retrocessione -il quartultimo- a pari punti con il Taranto, ma con un quoziente punti minore).

Diverso è, invece, il finale nel settore femminile: quel gruppo di ragazze caratterizzato dalla compattezza e dallo spirito di sacrificio -che non erano mai stati, però e fino ad allora,  sufficienti dal punto di vista dei risultati in campo- si rende conto delle potenzialità ed acquista fiducia in se stesso.. Partecipa, nuovamente, al campionato di 3ª divisione e conquista un pregevolissimo terzo posto tra l’entusiasmo dei numerosi tifosi e la piena soddisfazione della società. Ma le soddisfazioni ed i risultati non finiscono qui: infatti in questi anni la Pallavolo Azzurra raggiunge quota 250 tesserati e partecipa a ben 8 campionati di cui 5 giovanili. Ed è proprio il settore giovanile quello prodigo di  innumerevoli gratificazioni.  La squadra di U 14 Femminile, allenata da un giocatore di prima squadra PICCINNI Pierandrea, ottiene brillanti risultati. Seguita da svariati tifosi, si qualifica prima nei propri gironi per ben due volte: bel risultato per essere squadra di novella formazione.

in alto da sinistra: Gianvito Mauro, Francesco Avelli, Gianpaolo Brescia, Ottavio Negro, Valerio Lecci, Tonino Negro (allenatore).

in basso da sinistra: Andrea Imperato, Claudio Ciardo, Sergio Barbara, Piero Piccinni, Livio Bramato, Patrizio Patana Serafino, Paolo Cassano.

assenti: Daniele Torsello

in alto da sinistra: Ester Sergi, Michela Torsello, Silvia Rosafio, Maria Rosaria Massaro, Gino Marzo (dirigente), Maria Rosaria Sabella (capitano), Titti Campanile, Tina Melcarne, Tonino Negro (allenatore), Giovanni Cassano (dirigente).

in basso da sinistra: Piero Piccinni (dirigente), Simona Alemanno, Carla Cortese, Patrizia Nicolardi, Angela Coscia.

1998/1999

La stagione agonistica 1998/1999 costituisce un punto di  svolta. La Società, infatti, menomata da un travagliato quanto sofferto scisma di alcuni suoi giocatori e dirigenti,  punta ed investe tutto sui propri giovani, asse portante del sodalizio.

Nel settore femminile, la squadra di punta si prepara ad affrontare un campionato di 2ª Divisione  essendo stato soppresso il campionato di  3ª.

Il formidabile gruppo, così, allestito sbaraglia la concorrenza e per le prime sette giornate rimane imbattuto. Le aspettative  diventano ben presto realtà e la squadra, sotto l’esperta ed impeccabile guida del tecnico Tonino Negro, centra la prima promozione sul campo vincendo il campionato di 2ª divisione.

Tuttavia, i successi “Rosa” non finiscono qui: i brillanti risultati ottenuti  dall’U14 femminile nella stagione passata, vengono ripetuti. Questo affiatato gruppo di ragazzine -che , ben presto, diventeranno importanti giocatrici nella prima squadra- in barba ad ogni previsione e stupendo gli addetti ai lavori, si qualifica per le semifinali provinciali uscendo, però, proprio in questo turno.

Ma è il Minivolley la soddisfazione più grande per la società. In ben tre competizioni regionali le 4 squadre presentate  fanno bottino pieno e la formazione “mista” (cioè formata da bambini e bambine)  sale sul podio più alto per tutte e tre le competizioni venendo, così,  proclamata campione provinciale: una di queste piccole promesse della pallavolo  (Negro Ilaria) verrà convocata, insieme ad un’altra atleta dell’under 14 (Bello Ilaria), addirittura nella selezione provinciale U14.

In ambito maschile, si affronta il campionato di 1ª Divisione e quei giocatori che un tempo erano considerati ragazzi, per esigenza, ben presto maturano prendendo coscienza delle proprie possibilità.
Trascinatore è Daniele Torsello a cui si deve dare il merito di aver guidato questa compagine  nel difficile campionato di 1ª:   nella stagione successiva il ragazzo verrà acquistato dai Falchi Ugento partecipando, così, al campionato di B2 .

1999/2000

La stagione agonistica 1999/2000  dai risultati sembrerebbe una stagione del tutto nefanda: le due squadre di punta ambedue retrocesse! In realtà, così non è. Entrambe le squadre risentono di un ulteriore ringiovanimento delle compagini.

Le due prime squadre (femminile e  maschile), affidate alla direzione tecnica rispettivamente di  Marcello Sansò -l’una- e Fabio Ruberto -l’altra-, accolgono nelle proprie fila atleti/e provenienti dalle squadre giovanili. Il mix di giocatori esperti e piccole promesse, in realtà, stenta a decollare, ma già nella parte finale della stagione il lavoro dei due allenatori comincia dare i  frutti: troppo tardi, purtroppo, per la salvezza, ma ampie aspettative si aprono per il futuro.

in alto da sinistra: Maurizio Accogli (allenatore), Mimmo Bello (dirigente), Barbara Negro, Ilaria Negro, Maria Rosaria Sabella, Titti Campanile, Ilaria Bello, Gino Marzo (dirigente), Maria Rosaria Massaro (Capitano), Ester Loparco.

in basso da sinistra: Simona Alemanno, Lucia Bellante, Angela Coscia, Patrizia Nicolardi

in alto da sinistra: Maurizio Accogli (allenatore), Gianluigi Sergi (dirigente), Giorgio Cassano, Gianvito Mauro, Gianpaolo Brescia, Paolo Cassano, Francesco Avelli, Tonino Negro (dirigente), Claudio Ciardo

in basso da sinistra: Daniele Torsello, Alessandro Nicolardi, Marco Corvaglia, Alberto Librizzi, Piero Piccinni, Diego Sperti
assenti: Riccardo Laganà

2000/2001

La stagione 2000-2001 vede l’entrata in prima squadra di tutti i componenti dell’Under 17 (Nicolardi Alessandro, Laganà Riccardo, Cassano Giorgio, Librizzi Alberto e Marco Corvaglia), che vanno a ringiovanire la rosa in cui sono presenti giocatori esperti come Ciardo Claudio e Sperti Diego. Verso la metà del campionato si registra anche il ritorno del “Gigante” (Daniele Torsello). La squadra che sostiene un campionato di 1^Divisione, nell’ultima giornata riesce a superare la capolista U.S. Acli Lecce e viene promossa in Serie D.
Anche la squadra femminile disputa un campionato di 1^divisione e dopo uno strepitoso avvio, finisce il campionato posizionandosi a metà classifica.
Sia la squadra maschile che la squadra femminile sono allenate da Maurizio Accogli.

in alto da sinistra: Enrico Franza (marketing), Claudio Ciardo (DS), Antonio Cosi (allenatore), Federico De Carlo, Rocco Reggio, Antonello D’Oria, Luca De Pascalis, Francesco Avelli, Daniele Torsello, Massimo Venneri (Presidente), Paolo Casarano (dirigente), Gianluigi Sergi (dirigente), Marcello Sansò (dirigente).

in basso da sinistra: Tonino Stasi (dirigente), Michele (custode), Diego De Giovanni, Piero Piccinni, Dario Mlinconico, Fabio Valli, Marco Negro, Andrea Romano.

2007/2008

Nel campionato 2007/2008 la società decide di rafforzare la rosa con tre giocatori di spessore: il palleggiatore Andrea Romano, il centrale Fabio Valli ed il laterale Antonello D’Oria. Insieme agli altri protagonisti, Malinconico (passato nel ruolo di libero), Negro, Reggio, De Giovanni (giovane promettente, all’esordio in serie C), De Pascalis, Avelli, De Carlo, Piccinni, Torsello, si costituisce un valido e solido gruppo affidato per il secondo anno consecutivo a mister Antonio Cosi.
L’Alessano ingaggia un duello all’ultimo punto con il Casarano, altra formazione allestita per il salto di qualità, e purtroppo lo perde arrivando secondo ed intraprende la lotteria dei play-off: qui la beffa è ancor più grande, perché proprio arrivati in finalissima contro il Noicattaro, si finisce per perdere 2-1 dopo esser stati avanti per 1-0 e ben 2 set a 0 nella sfida di ritorno disputata in terra salentina!…la squadra ha comunque raggiunto il grande obiettivo di richiamare una moltitudine di appassionati in occasione delle sfide sia casalinghe che in trasferta.
La squadra femminile riesce a far meglio della maschile e vince il suo duello con il Matino…le ragazze allenate da Maurizio Accogli, raggiungono così la promozione dalla 2° divisione alla 1° ed anche per loro si registra il giusto seguito e soprattutto una crescita di molte atlete giovanissime fatte esordire da mister Accogli.

2008/2009

Con ancora viva la delusione per il mancato salto di categoria dell’anno precedente, nella stagione 2008/09 l’Aurispa Alessano si appresta ad affrontare un nuovo campionato di serie C. L’intenzione di tentare con maggior convinzione il salto di categoria è evidente con l’ingaggio, come allenatore, di Sirio Nicolazzo, leggenda del volley salentino. Inoltre la squadra viene rinforzata con gli innesti di Marco Cesari e Roberto D’Urso, rispettivamente schiacciatore e libero, militanti l’anno precedente in serie B2 nel Galatone.

La stagione si rivela una marcia trionfale per l’Alessano, che domina il campionato vincendo il proprio girone con 70 punti, frutto di ben 24 vittorie e due solo sconfitte, l’ultima delle quali per 3-2 in casa contro gli eterni rivali del Ruffano, che però regala la matematica conquista, per la prima volta nella storia, della serie B2.

2009/2010

Nella stagione 2009/10 la dirigenza alessanese compie un ulteriore sforzo e rafforza la rosa con gli inserimenti dei laterali Carmelo Mazza e Giary Carrozzo, quest’ultimo con una voglia matta di ben figurare nella squadra della sua città. Il resto della squadra viene confermato in blocco ad eccezione di Marco Cesari che lascia per motivi di lavoro.

Pur essendo al debutto assoluto nella quarta serie nazionale l’Aurispa-Isolp Alessano non sfigura, anzi si conferma matricola terribile togliendosi molte soddisfazioni e vincendo contro squadre blasonate come il Murgiasport Altamura, l’AV Lucera e la Pallavolo Martina. Memorabili rimangono inoltre i due derby contro i Falchi Ugento, con tanto spettacolo sia in campo, sia sugli spalti dove i tifosi danno vita ad un gemellaggio nel nome di don Tonino Bello, vescovo nativo di Alessano e uno dei pionieri della pallavolo ugentina. La stagione si conclude con un ottimo quinto posto e con la convinzione di poter ben figurare nella stagione successiva.

In alto da sinistra: Alessandro Medico (allenatore), Rocco Felicetti, Rocco Reggio, Luca De Pascalis, Francesco Avelli, Paolo Mastropasqua, Giulio Piscopello, Mauro Negro (prep. atletico), Antonio Sodero (secondo allenatore);

seduti da sinistra: Luca Calabrese, Carmelo Mazza, Matteo Lazzari, Gianmarino Carrozzo, Roberto D’Urso, Fabio Valli, Diego De Giovanni.

2010/2011

Dopo l’ottimo piazzamento della stagione precedente, per il campionato 2010/2011 la dirigenza alessanese rinforza ulteriormente la squadra con l’acquisto di Rocco Felicetti in cabina di regia e Paolo Mastropasqua nel ruolo di opposto, due giocatori che sono una garanzia per la B2. Viene ceduto Federico De Carlo che passa al Galatone, mentre Andrea Romano interrompe il rapporto con la società del Presidente Venneri per motivi personali . L’Alessano, insieme con Ugento e Squinzano, viene accreditato dagli addetti ai lavori come una delle pretendenti al salto in B1.
Il campionato rispetta queste indicazioni anche se la lotta per il primo posto coinvolge Squinzano e Ugento con l’Alessano, che deve rinunciare per metà stagione all’apporto di Mastropasqua per un brutto infortunio, più staccato e in lotta con l’Altamura per il terzo posto valido per disputare i play-off. Play-off conquistati all’ultima giornata con il punto guadagnato sul campo dello Squinzano giunto secondo dietro la capolista Ugento.

La griglia dei quarti vede giocare i biancoazzurri contro i calabresi del Paola. La gara di andata, in trasferta, vede soccombere l’Alessano al quinto set dopo aver rimontato dal 2 a 0. Nella gara di ritorno i calabresi si confermano un’ottima squadra vincendo al “Pala Don Tonino Bello” per 3 a 1. Per l’Alessano è la fine di un sogno anche se rimane la soddisfazione per un’altra bellissima stagione disputata nella quarta serie nazionale.